Fondazione Patrizia Nidoli Onlus: adozioni internazionali e cooperazione
Adozione internazionale: V TAPPA: L'incontro all'estero
Adozioni internazionali
Sostegno a distanza
Esperienze di adozione
Le nostre sedi per l'adozione
Trovaci su facebook
<< Torna a Adozione internazionale: L'iter adottivo
ADOZIONE INTERNAZIONALE - L'ITER ADOTTIVO
V TAPPA: L'INCONTRO ALL'ESTERO
(fonte: www.commissioneadozioni.it)

TEMPI: non predeterminabili
SOGGETTI: Ente Autorizzato, AutoritÓ Centrale Straniera, Commissione per le Adozioni Internazionali Italiana, Coppia, Bambino da adottare
LUOGO: il Paese indicato dalla coppia

Si tratta della fase pi¨ delicata e importante dell'intera procedura di adozione. L'Ente Autorizzato al quale i coniugi si sono rivolti si fa carico della procedura di adozione nel Paese straniero scelto.
L'Ente, una volta ricevuta dall'autoritÓ straniera la proposta di incontro con il bambino da adottare, ne informa gli aspiranti genitori adottivi e, avutone il consenso, li assiste svolgendo tutte le pratiche necessarie.
Se gli incontri della coppia con il bambino si concludono con un parere positivo anche da parte delle autoritÓ del Paese straniero, l'Ente trasmette gli atti e le relazioni sull'abbinamento adottando-adottanti alla Commissione per le Adozioni Internazionali in Italia, attestando la sussistenza dei requisiti previsti dalla Convenzione de L'Aja all'articolo 4.
Se invece gli incontri non si concludono positivamente, l'ente ne prende atto e ne informa la Commissione italiana, relazionando anche sui motivi in base ai quali l'abbinamento non si Ŕ rivelato rispondente all'interesse del minore. Notizia questa utile, anzi indispensabile, per eventuali, possibili abbinamenti successivi.
Pu˛ accadere, inoltre, che sia l'Ente a non accogliere una determinata proposta di adozione fatta dall'AutoritÓ centrale straniera. In questo caso gli aspiranti genitori adottivi possono ricorrere in Italia alla Commissione per le Adozioni Internazionali, che pu˛ non confermare il diniego dell'ente e procedere direttamente, sostituendosi all'ente stesso, oppure affidare ad un altro ente l'incarico di condurre a termine la procedura.
L'ente autorizzato deve trasmettere tutta la documentazione riferita al bambino, insieme al provvedimento del giudice straniero, alla Commissione per le Adozioni Internazionali che ne cura la conservazione.

Incontri eventi adozione
Carta dei servizi
Le nostre dispense
Fondazione Patrizia Nidoli Onlus: Adozioni internazionali e cooperazione
Via Vittorio Veneto, 11 - 21100 - Varese - C.F. 02486300128
Le nostre sedi in Italia per le adozioni internazionali | Mappa del sito